banner



02/11/2012 - TAR di Cagliari - Primo provvedimento nell'ambito della battaglia legale contro la soppressione dei Tribunali

 

N. 00757/2012 REG.RIC.
 
 
REPUBBLICA ITALIANA
 
Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Sardegna
 
(Sezione Prima)
 
ha pronunciato la presente
 
ORDINANZA
 
sul ricorso numero di registro generale 757 del 2012, proposto da:
 
 
 
Consiglio dell'Ordine Avvocati di Tempio, Organismo Unitario dell'Avvocatura Italiana, Coordinamento Nazionale Ordini Professionali Minori, Biosa Salvatore, Selis Carlo, Satta Claudia Rita, Satta Giuseppe Carlo, Calia Antonietta, Stabile Roberto, Pileri Ciriaco, Filigheddu Arrigo, Cossu Nicola Benito, Farena Tommaso Fabrizio, Ragnedda Nicola, Casale Laura, Masu Francesca Rosanna, Camboni Paolo, Giua Franco, Sanna Quirico, Cicoria Cristian, Bacciu Davide, Cossu Mario, rappresentati e difesi dagli avv. Benedetto Ballero, Antonino Galletti, con domicilio eletto presso Benedetto Ballero in Cagliari, corso Vittorio Emanuele n. 76;
 
 
 
contro
 
Ministero della Giustizia, Tribunale di Tempio Pausania, rappresentati e difesi per legge dall'Avvocatura dello Stato, domiciliati in Cagliari, via Dante n. 23;
 
nei confronti di
 
Ilaria Achenza, Mario Alias, rappresentati e difesi dagli avv. Mario Edoardo Quargnenti, Enrico Gatto, Gerolamo Orecchioni, Mario Perticarà, Domenico Putzolu, Giovanni Azzena, con domicilio eletto presso Rosanna Patta in Cagliari, via Sonnino n. 84;
 
e con l'intervento di
 
ad adiuvandum:
Comune di Olbia, rappresentato e difeso dall'avv. Stefano Ballero, con domicilio eletto presso Stefano Ballero in Cagliari, corso Vittorio Emanuele n. 76; Consiglio Nazionale Forense, rappresentato e difeso dagli avv. Giuseppe Abbamonte, Mario Bertolissi, Andrea Pubusa, Giuseppe Colavitti, con domicilio eletto presso Andrea Pubusa in Cagliari, via Tuveri n. 84;
ad opponendum:
Comune di Tempio Pausania, rappresentato e difeso dall'avv. Giuseppina Demuro, con domicilio eletto presso Rosanna Patta in Cagliari, via Sonnino n. 84; Gerolamo Amic, Gian Lucio Pirastu, Giuliana Battoni, rappresentati e difesi dagli avv. Enrico Gatto, Domenico Putzolu, Gerolamo Orecchioni, con domicilio eletto presso Rosanna Patta in Cagliari, via Sonnino n. 84; Giuseppe Angotta, Alessandro Azzena, Giovanni Azzena, Edvige Baldino, Gerolamo Balata, Mario Massimo Baltolu, Andrea Mario Biancareddu, Antonella Bianco, Maria Eleonora Bianco, Marianna Bulciolu, Piera Bulla, Giovanna Cannas, Patrizia Carboni, Maurizio Careddu, Michele Careddu, Tomaso Careddu, Giovanna Carta, Gabriella Castiglia, Alessio Cerrutti, Alessandra Paola Cocco, Maria Giovanna Deiana, Salvatore Deiana, Martinella Diana, Salvatore Diana, Piera Fresi, Giuseppe Gana, Enrico Gatto, Mario Ghezzo, Domenica Giagheddu, Nicolina Anna Giagheddu, Francesco Giresini, Gianfranco Grussu, Giovanna Antonia Inzaina, Giovanni Fabio Inzaina, Maria Elena Inzaina, Monica Liguori, Pierangelo Loddo, Giampiero Luciano, Maria Domenica Mamia, Maurizio Mani, Salvatoricca Domenica Mariotti, Vittorio Marrocu, Gianni Pireddu, Alessandro Masia, Maria Caterina Pisano, Aurora Masu, Carla Puddu, Giuseppe Mu, Domenico Putzolu, Giovanni Angelo Mura, Alberto Quargnenti, Edoardo Mario Quargnenti, Mauro Piero Muzzu, Michele Saba, Brunilda Sanna Mucaj, Immacolata Natale, Gian Franca Sotgiu, Rossella Spano, Barbara Orecchioni, Giovanni Spanu, Daniele Orecchioni, Manuela Spanu, Carolina Tamponi, Filippo Orecchioni, Marina Tamponi, Gerolamo Orecchioni, Andrea Tirotto, Giovanni Maria Orecchioni, Cinzia Tirozzi, Margherita Orecchioni, Serenella Tirozzi, Paolo Orecchioni, Silvia Orecchioni, Franca Palitta, Giuseppe Marco Usai, Bianca Maria Patitone, Veronica Sebastiana Vasa, Mario Perticarà, Alessandra Amic, Daniela Peru, Tarcisio Peru, Saverio Gatto, Marco Claudio Petitta, Nino Vargiu, Elena Piccinnu, Roberto Piga, rappresentati e difesi dagli avv. Enrico Gatto, Gerolamo Orecchioni, Domenico Putzolu, con domicilio eletto presso Rosanna Patta in Cagliari, via Sonnino n. 84; Marcella Muzzu, rappresentata e difesa dagli avv. Enrico Gatto, Gerolamo Orecchioni, con domicilio eletto presso Rosanna Patta in Cagliari, via Sonnino n. 84;
 
per l'annullamento
 
previa sospensione dell'efficacia,
 
- del provvedimento prot. 873 del 18.9.2012, emesso dal Presidente del Tribunale di Tempio Pausania, col quale è stato disposto che dal 16.9.2012 rientrano ex lege nella competenza della sede centrale del Tribunale di Tempio Pausania tutti gli affari, già di competenza delle sezioni distaccate di La Maddalena e Olbia, iscritti o pervenuti dopo tale data, o per i quali, alla stessa data, non sia stata ancora fissata udienza;
 
tutti gli altri affari già di competenza delle sezioni distaccate di La Maddalena e Olbia, iscritti o pervenuti dopo tale data, o per i quali comunque, alla stessa data , non sia stata ancora fissata udienza, devono essere trasmessi alla cancelleria competente presso la sede centrale, per la nuova iscrizione;
 
- dei provvedimenti n. 874 del 18.9.2012 e 906 del 25/26.9.2012, emessi dal Presidente del Tribunale di Tempio, entrambi aventi ad oggetto il decreto legislativo n. 155 del 7.9.2012 - soppressione delle sezioni distaccate di La maddalena e Olbia - ridistribuzione nuovi affari;
 
- del provvedimento prot. 907 del 26.9.2012, emesso dal Presidente del Tribunale di Tempio, avente ad oggetto l'accorpamento degli uffici spese di giustizia e uffici recupero crediti;
 
- dei provvedimenti prot. 888 del 21.9.2012 e prot. 457/2011, emessi dal Presidente del Tribunale di Tempio Pausania;
 
- di ogni altro atto antecedente o consequenziale o connesso.
 
Visti il ricorso e i relativi allegati;
 
visti gli atti di costituzione in giudizio delle parti;
 
vista la domanda di sospensione dell'esecuzione dei provvedimenti impugnati, presentata in via incidentale dalla parte ricorrente;
 
visto l'art. 55 del codice del processo amministrativo;
 
visti tutti gli atti della causa;
 
ritenuta la propria giurisdizione e competenza;
 
relatore nella camera di consiglio del giorno 31 ottobre 2012 il dott. Gianluca Rovelli e uditi per le parti i difensori l'avv. Benedetto Ballero, per la parte ricorrente; l'avv.to dello Stato Lucia Salis per le Amministrazioni resistenti; l'avv. Stefano Ballero per il Comune resistente; l'avv. Andrea Pubusa per l'interveniente ad adiuvandum Consiglio Nazionale Forense; gli avv.ti Giovanni Azzena, Enrico Gatto, Domenico Putzolu e Gerolamo Orecchioni per i controinteressati Achenza e Alias e per gli intervenienti ad opponendum Amic Gerolamo ed altri; l'avv. Giuseppina Demuro per l'interveniente ad opponendum Comune di Tempio Pausania;
 
 
 
Ritenuto, ad un sommario esame tipico della fase cautelare, che sussistono tutti gli elementi per disporre la celere fissazione del merito della causa ai sensi dell’art. 55 comma 10 del codice del processo amministrativo per i motivi che si vanno di seguito ad esporre.
 
Il Collegio, esaminati con attenzione i provvedimenti del Presidente del Tribunale di Tempio Pausania ritiene, allo stato:
 
a) che in questa fase cautelare, in disparte le modalità con le quali il Presidente del Tribunale ha esercitato il potere, l’attenzione del Collegio si pone più che sulle modalità di esercizio dello stesso, sulle sue norme attributive in quanto, alcune delle prospettate questioni di costituzionalità, pur nella varietà dei parametri evocati, appaiono (impregiudicata la decisione nel merito del ricorso) rilevanti e meritevoli di approfondito esame proprio della fase di merito;
 
b) l’esame nel merito della causa, che può, stante l’importanza della questione qui esaminata, essere fissato a breve, consentirà, da un lato a tutte le parti di spiegare le proprie difese nei termini propri della relativa fase di giudizio (e di conseguenza con la dovuta ponderazione che la controversia merita) dall’altro di adottare i provvedimenti necessari in tempo per la utile definizione della controversia;
 
c) ritenuto in definitiva di fissare sollecitamente la definizione del giudizio di merito essendovi i presupposti per apprezzare favorevolmente le esigenze dei ricorrenti.
 
P.Q.M.
 
Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Sardegna (Sezione Prima) fissa per la trattazione di merito del ricorso l’udienza pubblica del 23 gennaio 2013 ai sensi dell’art. 55 comma 10 del codice del processo amministrativo.
 
Compensa le spese della presente fase di giudizio.
 
La presente ordinanza sarà eseguita dall'Amministrazione ed è depositata presso la segreteria del tribunale che provvederà a darne comunicazione alle parti.
 
Così deciso in Cagliari nella camera di consiglio del giorno 31 ottobre 2012 con l'intervento dei magistrati:
 
Aldo Ravalli, Presidente
 
Marco Lensi, Consigliere
 
Gianluca Rovelli, Primo Referendario, Estensore
 
 
 
 
 
 
 
L'ESTENSORE
 
 
 
IL PRESIDENTE
 
 
 
 
 
 
DEPOSITATA IN SEGRETERIA
 
Il 31/10/2012
 
IL SEGRETARIO
 
(Art. 89, co. 3, cod. proc. amm.)


Allegati:























 

© Ordine degli Avvocati di Lanciano (CH) - Ordineavvocatilanciano.it - Powered by PZM